Barbara Melloni

Dr.ssa Barbara melloni

Studio Di Psicologia E Psicoterapia

studio di psicologia

Terapia individuale

terapia individuale

Gli incontri prevedono un incontro individuale. La persona, in compagnia del solo terapeuta, porta con sé tutte le relazioni significative che animano la propria vita nel presente, nel passato e nell'ipotetico futuro. L'attenzione del terapeuta sarà pertanto comunque rivolta alla dimensione relazionale ed interattiva del cliente, non tralasciando comunque pensieri, emozioni, storie e vissuti legati alla dimensione individuale. In alcuni casi tale tipo di approccio si configura come naturale prosecuzione di un percorso familiare o di coppia, volta a sciogliere "nodi privati" che il cliente preferisce affrontare individualmente.

EMDR

terapia emdr

L’EMDR è usato fondamentalmente per accedere in modo efficace a ricordi di esperienze traumatiche, molto dolorose anche a distanza di molti anni, che stanno alla base di disturbi psicologici attuali della persona.
Queste esperienze traumatiche possono consistere in:
Piccoli e o grandi traumi subiti nell’età dello sviluppo
Eventi stressanti nell’ambito delle esperienze comuni (lutto, malattia cronica, conflitti coniugali, cambiamenti …)
Eventi stressanti naturali (terremoti, inondazioni) o provocati dall’uomo (incidenti, violenze, abusi…)

Terapia di coppia

cammino di coppia

Questo percorso terapeutico è rivolto ad entrambi i membri della coppia. Obiettivo di tale tipo di intervento è quello di favorire una messa a fuoco dei meccanismi e delle problematiche relazionali, con l'intento di favorire una risoluzione dei conflitti e un maggior grado di benessere di ciascuno, mantenendo tuttavia una visione delle storie costruite e più tipicamente legate ad una sensibilità maschile e femminile.
Questa tipologia di intervento è particolarmente indicata per difficoltà di comunicazione all'interno della coppia, per difficoltà nell'area della sessualità, per difficoltà in fase di separazione e per un supporto al ruolo genitoriale.
Gli incontri possono avere una cadenza quindicinale ed una durata indicativa di un’ora e mezza ciascuno
Il primo colloquio generalmente è rivolto, dove è possibile, ad un’analisi iniziale della situazione problematica vissuta dalla coppia per definire un percorso terapeutico condiviso.

Terapia familiare

E' la forma forse più conosciuta dell’intervento sistemico. Sono invitati a partecipare alla seduta i membri della famiglia. Viene convocato il nucleo convivente. Gli incontri vengono condotti in co-terapia, sono cioè presenti due terapeuti, come previsto dal modello elaborato dalla scuola di Milano. La terapia familiare è un tipo di trattamento oggi consigliato per molti tipi di disagio, tra cui disturbi d'ansia e del tono dell'umore, disturbi alimentari (come ad esempio anoressia e bulimia), in situazioni di disagio di minori ed adolescenti.

L’intervento si basa sul presupposto che la famiglia rappresenti, soprattutto durante l’infanzia e l’adolescenza, la risorsa per eccellenza rispetto alla crescita e all’accudimento dei figli.

Counseling familiare

Si occupa delle riorganizzazioni familiari in vista o in seguito alla separazione o al divorzio.
Si rivolge, in particolare, alla coppia con figli per:
sollecitare e aiutare la coppia ad elaborare un programma di separazione ottimale per sé e per i figli;
esercitare una comune responsabilità genitoriale per quel che riguarda la relazione affettiva ed educativa;
promuovere nei genitori le risorse, le competenze, le motivazioni al dialogo;
prevenire e tutelare il disagio del minore;
comunque aiutare la coppia in conflitto a risolvere in via autonoma le questioni che la vedono contrapposta.
Un intervento rivolto alle coppie separate, che si pone l’obiettivo di sostenere i genitori a trovare accordi nel rispetto delle esigenze dei figli.

Sostegno psicologico ai percorsi di procreazione assistita

Spesso la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) può rappresentare la possibilità di avere un figlio, ma anche quella di negare e superare il limite biologico favorendo l’attesa di soluzioni onnipotenti.
L’idea del concepimento allora diviene spesso un’ossessione, per cui le sensazioni di benessere o malessere vengono sempre associate allo stato gravidico o al fallimento della terapia e la coppia in questo percorso di terapie mediche si carica sempre più di molte tensioni emotive.
Molte donne vivono allora questa fase con grande ansia e depressione e hanno l’esigenza di sostegno da parte del partner e della famiglia, così come del personale medico e dello psicoterapeuta. Ma anche per l’uomo il percorso di una PMA è difficile ed emotivamente stressante, anche se in modo diverso dalla propria compagna.
È importante ricordare che la coppia è già stata provata da una diagnosi di sterilità che ha segnato, probabilmente in modo indelebile le loro vite.
Nonostante sia comprensibile quanto possa essere difficile accettare la propria impossibilità a procreare, spesso tutto ciò porta con sé il logorio del fisico, della mente e dell’equilibrio della coppia. La possibilità di esplorare i propri vissuti emozionali, quali tristezza, rabbia, ripercussioni sulla relazione di coppia e di riconoscerli come normali e comuni, permette un più consapevole atteggiamento nei confronti della terapia e dei medici, una responsabilizzazione del paziente e uno strumento per affrontare meglio il percorso.

Share by: